mercoledì, 28 giugno 2017

L’editoriale di Luisa Montù

E IL POPOLO CHE FA? SE GRATTA

l'editoriale di Luisa Montù

Caligola è conosciuto dai più come un pazzo corrotto, ma molti studiosi stanno man mano scoprendo quanto la sua fama fosse stata travisata dai cronisti ufficiali, primo fra tutti Svetonio, perché l’imperatore era particolarmente inviso al Senato in quanto, avendone rilevato la somma corruzione, ne intendeva limitare i poteri. Celebre e oggetto di frizzi e lazzi da parte dei suoi, …

Continua a leggere...

È URGENTE RIPENSARE L’EUROPA

l'editoriale di Luisa Montù

Erano gli anni Sessanta/Settanta e i giovani sognavano l’Europa. Si riunivano. Discutevano. Parlavano con la gente spiegando una scelta che ritenevano inevitabile se i paesi del Vecchio Mondo non volevano rischiare l’isolamento con conseguente disfacimento di fronte a quei colossi che erano America, Russia e, ben presto (l’avevano ben capito), Cina. Facevano manifestazioni. Distribuivano volantini per spiegare alla gente l’importanza …

Continua a leggere...

TOUCHÉ

l'editoriale di Luisa Montù

Il modicano Giorgio Scarso non è più Vicepresidente del CONI. Non era nemmeno fra i candidati. L’affermazione che stiamo per fare ci farà prendere per pazzi, ma non ce ne vergogniamo di certo: di questa non rielezione noi siamo fieri. Perché? Perché la scherma in Italia è considerata uno sport di secondaria importanza: certo, è l’unico vero sport che sia …

Continua a leggere...

UBI MAIOR, MINOR CESSAT

l'editoriale di Luisa Montù

L’interessante articolo del collega Duccio Gennaro uscito il 25 aprile sul Corriere di Ragusa ci ha fatto riflettere e di questo lo ringraziamo. In realtà, oggi che il giornalista ha in gran parte perduto l’antica funzione di andare in cerca delle notizie visto che le notizie ci cadono addosso nel momento stesso in cui accadono, la sua funzione, una funzione …

Continua a leggere...

VIENE DA PIANGERE…

l'editoriale di Luisa Montù

Una ragazzina egiziana ha avuto il coraggio di ribellarsi alla famiglia che le voleva far sposare un uomo che lei conosceva appena. Non l’ha fatto perché fosse innamorata di un altro, ma perché, vivendo in Italia, si era resa conto che per la donna è possibile una vita diversa da quella di moglie, madre, di creatura soggetta e dipendente da …

Continua a leggere...

BULLI O LIBERI? SI PUÒ ANCHE SCEGLIERE

l'editoriale di Luisa Montù

Gli episodi di bullismo aumentano di giorno in giorno, di quelli più gravi se ne parla ovunque, ma tanti altri vengono taciuti dalle stesse vittime che temono, parlandone, di subirne di peggiori. E’ normale che, in epoca di social e di tavole rotonde, ognuno esprima la propria opinione, autorevole o no, professionale o no, sensata o no. Tutti parlano, danno …

Continua a leggere...

ATTENZIONE, PERICOLO!

l'editoriale di Luisa Montù

Già quando è entrata in vigore la legge sulla privacy avremmo dovuto capirlo: l’ingerenza del pubblico nella nostra vita privata intendeva aumentare.  Ma come, ci doveva sorgere questo sospetto proprio nel momento in cui la nostra libertà si dichiarava garantita da una legge ad hoc, che ragionamento è questo? Semplicemente che in Italia le leggi nascono per gettare fumo negli …

Continua a leggere...

NO TO RACISM

l'editoriale di Luisa Montù

 “No to racism”. Prima di ogni partita la televisione ci mostra le facce di giocatori famosi che ripetono quest’affermazione. Sarebbe la pubblicità scelta dall’Uefa per promuovere la sua lotta al razzismo. La Lega Calcio non presenta spot analoghi. Questo non vuol dire che si dichiari apertamente favorevole al razzismo, ma nei fatti? In effetti, come si fa a insegnare qualcosa …

Continua a leggere...

LA TUTELA DEL BENE PRIMARIO

l'editoriale di Luisa Montù

Magari ci s’impiega tutta la vita, ma prima o poi ci si arriva: l’Italia è il paese in cui maggiormente la politica è capace di tutelare il bene che considera come primario: il degrado. Non prendetela come una boutade. E’ una scelta lungamente ponderata che ha richiesto un gran dispendio di energie mentali, di studi, di approfondimenti, alla cui base …

Continua a leggere...

È TUTTA COLPA DEL FUMO

l'editoriale di Luisa Montù

Il fumo provoca il cancro, l’infarto, l’impotenza, la gengivite, uccide i bambini nel grembo materno o, se va bene, li fa crescere piccoli e bruttarelli, ingiallisce la pelle, fa venire le rughe e i denti neri, avvelena tutti i presenti e forse pure i vicini di casa, sicuramente procura qualche altro danno che al momento non ci sovviene. Insomma, secondo …

Continua a leggere...