venerdì, 23 febbraio 2018

L’editoriale di Luisa Montù

LA GLORIA NON È PER GLI ITALIANI, NEMMENO UNA PICCOLA PICCOLA

l'editoriale di Luisa Montù

Crediamo che sul fatto che in Italia il calcio sia lo specchio della società siano tutti d’accordo, esaminare dunque le vicende della Federazione in questo particolare momento della vita italiana potrebbe essere illuminante. Quale Presidente era stato eletto un personaggio del quale tutto si poteva dire tranne che potesse in qualche modo incarnare anche uno solo dei principi che dovrebbero …

Continua a leggere...

LA RAGNATELA

l'editoriale di Luisa Montù

Coraggio, italiani, ancora poco più di un mese di ristrettezze e sofferenze, poi cambierà tutto. Sì, perché dopo le elezioni del 4 marzo la maggior parte dei balzelli che oggi ci rende schiavi sparirà (dal ridicolo canone Rai alle tasse sulla prima casa), tornerà la legalità e sarà sconfitta la mafia, ci sarà particolare attenzione alla cultura, alla salute, al …

Continua a leggere...

ARROGANTI O SOTTOMESSI? NO!

l'editoriale di Luisa Montù

Se davvero il 2018 sarà in grado di portarci qualcosa di nuovo, gli chiediamo di restituire il cervello agli italiani. Ci sembra infatti che gran parte di loro sia stata colpita da improvviso rincoglionimento. Da un lato s’inneggia a un’italianità che per tanti anni era stata dimenticata (anche troppo) esclusivamente perché spaventati dalla presenza di tanti profughi stranieri che vengono …

Continua a leggere...

DALLA LIRICA AL POP, MA CHE POP!

l'editoriale di Luisa Montù

Il ragusano Lorenzo Licitra ha vinto l’ultima edizione di X Factor. In pochi se l’aspettavano, ma sicuramente nella serata finale si è esibito al meglio delle sue capacità dimostrando tutta la valenza della sua voce. Era arrivato un po’ come né carne né pesce, quasi indeciso tra la musica lirica e quella leggera, al punto che in tanti hanno pensato …

Continua a leggere...

FRA QUALCHE SECOLO, FORSE…

l'editoriale di Luisa Montù

Evviva evviva! La violenza sulle donne della quale oggi si parla tanto (ma c’era pure ieri, solo che se ne parlava di meno) viene finalmente sconfitta. Come? Dedicando ben un’altra giornata alla Donna, quindi non più solo l’8 marzo ma pure il 25 novembre, questo espressamente contro la violenza sulle donne. Donne, siamo lieti di annunciarvi che, a questo prodigioso …

Continua a leggere...

ANCORA UNA VOLTA ABBIAMO PERSO LA FACCIA

l'editoriale di Luisa Montù

Molti hanno ironizzato sulla reazione degli italiani all’eliminazione della Nazionale di calcio dall’avventura dei prossimi Mondiali, sullo scalpore che ha destato nei media, sui social, tra la gente. Che il tifoso sia sanguigno per natura, quindi reagisca in maniera eccessiva nell’esaltazione per le vittorie come nella disperazione per le sconfitte fa parte proprio dell’essere tifoso, ma che su tutte le …

Continua a leggere...

RIMPIANTO

l'editoriale di Luisa Montù

Si racconta che c’era un tempo in cui il giorno dei morti i bambini modicani sognavano. Sì, certo, sognavano i regali, tutti i bambini sognano i regali (purché siano giocattoli o dolci, non oggetti utili, per carità!), ma in quel tempo non sognavano solo i regali: sognavano quelle persone care che non c’erano più, persone che a volte non avevano …

Continua a leggere...

LA LEGGE DELLA JUNGLA

l'editoriale di Luisa Montù

Ormai ci si sveglia con la notizia di una strage e si va a dormire col magone per l’ultima della giornata. Stragi dell’Isis, certo, stragi di guerriglia, ma anche stragi incomprensibili da parte di chi si sveglia una mattina e decide di uccidere quante più persone può. Ma che senso ha? Si può capire, anche se non giustificare, l’omicidio di …

Continua a leggere...

UNA MUSICA SENZA EMOZIONI

l'editoriale di Luisa Montù

Torna X factor e quest’anno fra i giudici c’è Mara Maionchi, che alla prima puntata se n’esce con un interrogativo che probabilmente è comune a molti italiani: ma perché i nostri connazionali preferiscono sempre di più cantare in inglese? E’ sicuramente vero che la lingua inglese si presta più di qualsiasi altra alla musica moderna, forse perché questa affonda spesso …

Continua a leggere...