lunedì, 16 settembre 2019
Monete-NWO

ECONOMIE SENZA DENARO. il secondo capitolo del lavoro annunciato di Salvatore Blasco

Print pagePDF pageEmail page

Capitolo II

LE MONETE COMPLEMENTARI E LE LORO FORME

Allo stato attuale si distinguono quattro forme di monete locali.

– Ci sono le “monete commerciali”, come i punti fedeltà utilizzati dai supermercati, di cui abbiamo parlato prima.

– Ci sono le “monete dedicate”, come ad esempio i buoni pasto, destinati all’alimentazione.

– Ci sono le “valute locali ” (garantite) che circolano sotto forma di biglietti in un delimitato territorio, allo scopo di sviluppare l’economia e lo sviluppo di una regione o territorio delimitato. Queste valute o monete hanno un valore legato al valore della moneta ufficiale, come abbiamo visto, e che possono essere utilizzate all’interno degli esercizi convenzionati.

– Ci sono, infine, le “monete tempo”; queste valute costituiscono appunto i SEL, che hanno lo scopo di creare o rinsaldare i legami tra gli abitanti e combattere così l’esclusione sociale, tramite lo scambio di competenze e saperi.

Sottolineiamo, al fine di non creare falsi illusioni, che le valute locali non sono di certo monete che riempiono i conti in banca (non è il loro obiettivo), bensì quello di favorire le relazioni sociali e valorizzare le competenze.

 

Condividi!