mercoledì, 24 ottobre 2018
50ddc674-c426-41e9-8057-e83afdeb472e

È SOLO QUESTIONE D’AMORE…

Print pagePDF pageEmail page

Una mattina i modicani furono presi dallo sgomento trovando la scalinata della chiesa di San Giovanni a Modica Alta imbrattata dai vandali durante la notte. Gli amministratori s’indignarono vivamente deprecando l’accaduto, inondarono la stampa locale di comunicati veementi, insomma, fecero fuoco e fiamme. A parole.

Passarono i giorni e la splendida scalinata rimaneva lì, sfregiata e vilipesa dalla stupidità umana. Ma anche dall’insipienza di chi avrebbe potuto e dovuto rimediare.

Così tre cittadini, tre ragazzi di buonsenso e buona volontà, si sono armati di ramazza e in un pomeriggio sono riusciti a ripulire la scalinata restituendole così la sua dignità. A quanto pare, era possibile e non ci voleva molto, solo la convinzione di poterlo fare e il sacrificio di un pomeriggio. E, soprattutto, amore per la propria città, quell’amore che è stato il loro unico compenso, e questo ci teniamo a precisarlo, perché, vedete, esistono ancora persone che non ricevono e non si aspettano denaro per un lavoro svolto. E si tratta di tre giovani disoccupati!

A volte vien da pensare che, se scegliessimo noi di provvedere al benessere delle nostre città (quindi al nostro benessere, non dimentichiamolo!), un’anarchia consapevole potrebbe essere più fruttuosa e molto più redditizia delle impalcature amministrativo-burocratiche che affliggono l’Italia tutta. Basterebbe che tutti fossimo capaci di amare noi stessi. Quanto sarebbe semplice! Purtroppo esistono corruzione, avidità, invidia, tutte quelle bassezze umane che rendono necessario controllo, leggi, punizioni. Il guaio è che chi questo controllo deve esercitare non è altro che qualcuno come noi, affetto dagli stessi mali dell’anima…

LuM

Nella foto i tre ragazzi col parroco di San Giovanni

Condividi!