mercoledì, 19 settembre 2018
DSC_4317

AEROPORTO DI COMISO IN AFFITTO? FACCIA A FACCIA FRA IL SINDACO E LA SOACO

Print pagePDF pageEmail page

L’aeroporto di Comiso in affitto ai privati? Potrebbe accadere entro quest’anno se qualcuno manifesterà interesse all’avviso pubblico della Soaco, la Società di gestione dello scalo, per affidare il “Pio La Torre” ad una o più imprese disposte a rilevarne, appunto, la gestione. Una patata bollente che il neo sindaco di Comiso, Maria Rita Schembari, si è trovata sulla scrivania subito dopo l’insediamento. Ed è per questo che la Schembari ha voluto incontrare i responsabili della Soaco per capire come mai si sia arrivati a questa decisione e, soprattutto, se questo passo sia destinato a diventare l’anticamera di un disimpegno verso l’aeroporto che continua a vivacchiare sotto il pesante cono d’ombra di Catania-Fontanarossa.

“Un confronto necessario – afferma Maria Rita Schembari – per vedere come mai si sia arrivati a questa determinazione da parte della Soaco, e quali fossero le necessità. Pare che alla base ci sia la mancanza di liquidità di cassa della Società per ottemperare al pagamento degli stipendi. La situazione non è delle più rosee, ma cercheremo di fare del nostro meglio per quanto mi compete, sia come sindaco, che a difesa degli interessi del Comune, socio al 35%, per tenere saldo il timone di questa barca”.

Sui tempi per passare ad una eventuale gestione privata dell’aeroporto, il sindaco non si sbilancia, affermando, comunque, che questa prima fase potrebbe concludersi entro il prossimo autunno.

“C’è, intanto, – dichiara ancora Maria Rita Schembari – l’iniziativa del presidente della Regione che sta cercando di creare o una struttura di rete comprensiva di tutti i quattro scali della Sicilia, oppure una struttura che faccia sistema a due, vale a dire Palermo-Trapani e Catania-Comiso”.

Il confronto tra Sindaco e Soaco ha toccato anche la carenza di collegamenti offerti dallo scalo. “A distanza di cinque anni dalla sua apertura – afferma la Schembari – l’aeroporto avrebbe dovuto avere un volume di traffico molto superiore a quello attuale. Cercheremo di capire i motivi di tutto ciò, di chi sia la responsabilità e di attrezzarci meglio per l’immediato futuro”.

Concetto Iozzia

Condividi!