sabato, 20 aprile 2019
versi perversi

versi di versi per versi e detti male detti (di Sascia Coron)

Print pagePDF pageEmail page

Mi hanno insegnato a pagare tutto

e da questa fisima sono distrutto.

 

A me, se sono saggio,

non ho modo di sapere

chi si frega il mio formaggio

e si fa pure le pere.

 

Ad ogni ora

m’addolora

il deficiente

vincente.

 

Se ti stritolano i testicoli

prima ruggisci e poi pigoli.

 

L’ora legale

è l’atto innaturale

per fare deragliare

il corso regolare

del Sole e delle stelle

sue sorelle.

 

Più il politico in grado si avanza

più si crogiola nella propria ignoranza.

 

 

Condividi!