lunedì, 16 settembre 2019
lettera al direttore

Lettera al Direttore

Print pagePDF pageEmail page

Formato il nuovo governo tra PD e 5 Stelle, anche se Salvini vuole continuare a tenere chiusi i nostri porti, forse i migranti sbarcheranno con la forza nella terra ferma, perché fra poco questo personaggio non avrà più voce in capitolo essendo stato tagliato fuori da questo governo. Ora questa nuova alleanza, se vuole ampia fiducia dagli italiani, deve rimboccarsi le maniche e sedersi attorno a un tavolo per discutere seriamente il suo programma e cominciare al più presto possibile ad attuare le leggi prioritarie che interessano al popolo:

Prima di tutto incominciando con il lavoro, per evitare che i nostri giovani fuggano all’estero a cercarlo;

poi, fare il possibile per evitare l’aumento dell’IVA;

mettere in sicurezza le nostre strade e fare prevenzione per ponti di collegamenti sia stradali che ferroviari,

migliorare i tragitti ferroviari esistenti e ordinare di far sostituire le carrozze che trasportano giornalmente i pendolari per poterle rendere più accoglienti (e non farli viaggiare come tempo fa quando esistevano nelle FF.SS  i carri bestiami);

controllare tutti gli edifici scolastici che hanno bisogno di manutenzioni;

rendere la sanità accessibile a tutti;

iniziare al più presto la ricostruzione nei paesi che hanno subito danni provocati dai precedenti terremoti… e basta con le solite frasi fatte … “non vi abbandoneremo mai, vi stiamo sempre vicini”…  che ogni governo in carica utilizza ogni qual volta succede una calamità, e il risultato che si vede è evidente;

battersi seriamente con l’accordo di altri stati europei per far qualcosa per migliorare l’ambiente ed evitare l’inquinamento dei mari.

 

 Agli italiani interessano non tanto i colori dei governi, se sono giallo-verde o giallo-rosso o altri colori; a loro intessa solo se fanno delle leggi giuste e di cui hanno bisogno i cittadini italiani.

Speriamo bene!

Auguriamo un buon lavoro al nuovo governo che deve promettere di litigare il meno possibile e di impegnarsi sempre di più.

Con questo accordo, credo che si sia dato scacco matto a quei partiti favorevoli ad andare subito al voto, facendoli rimanere tutti a bocca asciutta e con l’amaro in bocca, e lasciando loro solo la protesta in piazza, anche nel caso in cui il nuovo governo stesse facendo delle cose giuste.

Distinti saluti

Giovanni Amore

Condividi!