mercoledì, 29 Giugno 2022

CONAD SCHERMA MODICA: UN BEL REGALO PER IL SUO TRENTENNALE

image_pdfimage_print

Era partita in sordina avendo ottenuto la disponibilità di alcuni locali presso il Castello dei Conti, sostenuta da un privato, il dottor Antonio Cartia, guidata da Giorgio Scarso, un maestro di scherma sorretto, oltre che da un’assoluta professionalità, dalla fiera convinzione che questo sport di grande eleganza e nobiltà sarebbe riuscito a farsi conoscere e apprezzare nella nostra città. Forse però non immaginava fino a che punto questo sarebbe accaduto e quanto la scherma stessa avrebbe potuto regalare a Modica.

E’ stata un’ascesa difficile, come sempre succede alle migliori iniziative proposte dai privati, quindi non calate dall’alto con tutti i benefici e le agevolazioni collegati, ma la costanza, l’intelligenza, la professionalità, la passione sono riuscite a renderla la più bella realtà degli Iblei. Non per nulla il maestro Scarso è giunto alla vicepresidenza del Coni, una carica prestigiosa che proprio non è facile raggiungere partendo dall’estremo lembo dell’Italia.

Dopo essersi fatta valere in giro per il mondo, Modica è entrata nel ristrettissimo club mondiale scelto dalla Federazione Internazionale di Scherma per ospitare eventi e corsi di formazione professionale per arbitri, atleti e maestri. Sono solo sette le città, sparse in tutte le parti del mondo, a far parte di questo gruppo e Modica è la terza dopo New York e la tedesca Tauber.

“Con orgoglio e commozione vivo questo giorno. – ha detto il maestro Scarso – Abbiamo voluto presentare oggi questa iniziativa perché si conclude il trentennale della Scherma Modica. Aver individuato Modica come città FIE è un motivo d’orgoglio ma anche un impegno che la città deve assumere, da domani dobbiamo essere bravi a trasformare l’entusiasmo in impegno”.

Eh, già, sono passati trent’anni da quando questa disciplina sportiva fece la sua comparsa sulla scena modicana, ma non sono poi tanti per uno sport che non è retto dal business ma solo dall’autentica passione.  Oggi la scherma ha fatto conoscere a tutto il mondo la nostra città e di questo tutti dovremo per sempre esserle grati.

L. Montù 

Condividi