venerdì, 30 ottobre 2020
lettera al direttore

Lettera al Direttore

Print pagePDF pageEmail page

Spesse volte si sente dire da parte di chi gestisce la Sanità NAZIONALE, che i pazienti abusano troppo di medicinali e c’è molto spreco. Ora il sottoscritto, che è un paziente come tanti altri cittadini, finisce di essere paziente e si mette assieme ai cittadini indignati, il perché lo spiego subito: molto tempo fa ho fatto un reclamo all’URP dell’Ospedale Maggiore di Modica, indirizzato al Direttore Generale dell’ASP 7 di Ragusa, esponendo il mio problema e credo che si associa ai molti problemi dei pazienti che hanno bisogno della sanità funzionante! Vengo al dunque, dovendo sottopormi ad un esame ecografico all’addome per presunti calcoli nella coliciste, ed essendo prenotato per una certa data, dal CUP di Modica mi è stato dato un foglio in cui dovevo attenermi alla preparazione di codesto esame, mi è stato detto che per tre sere prima di codesto esame dovevo prendere due compresse a sera di fitonorm, Recandomi in farmacia per comprarli mi è stata presentata una confezione di 60 compresse del costo di 10 euro, ho chiesto se c’era una confezione con meno compresse mi è stato risposto di no, dopo questo reclamo, avendo fatto presente al direttore se si interessava di far sostituire questo farmaco con un altro con mini confezioni, dopo circa sei mesi dal reclamo aspetto ancora la risposta; solo io per questo esame ho dovuto buttare 54 compresse nel contenitore dei farmaci scaduti, per 10 esami di questo tipo vengono buttate 540 compresse, e i pazienti si sono tolte dalle tasche 100 euro (da far presente che questo farmaco è un parafarmaco e cioè lo scontrino non è cumulabile per sottrarlo nella dichiarazione dei redditi); inoltre, fra queste persone ci sono state alcune che per comprare codesto farmaco hanno speso i soldi con cui avrebbero potuto mangiare per due giorni, invece tutti noi abbiamo contribuito a far arricchire di più le società farmaceutiche ed impoverire le nostre tasche. Se si volesse evitare codesto spreco e per forza maggiore non si può sostituire questo farmaco, io, da ignorante, pregherei l’azienda ospedaliera di premunirsi di una confezione di fitonorm, e distribuire le compresse ai 10 pazienti che devono effettuare questo esame dandone 6 compresse a ciascuno, così si eviterebbero di buttare 540 compresse. Ecco dove è lo spreco, e vorrei sperare che questo spreco sia circoscritto solo all’ASP 7 di Ragusa, perché, se è diffusa anche in altre Aziende ospedaliere di tutta l’Italia… Questa faccenda è molto grave e bisognerebbe far intervenire il ministro della sanità per evitare questo enorme sperpero, e questo si riferisce esclusivamente per un farmaco solo, che oggi per puro caso è stato scoperto e che il sottoscritto ha denunciato… E quanti altri farmaci ci sono in codesta situazione e nessuno lo fa presente? Per paura di finire nell’occhio del ciclone?

Distinti Saluti

Giovanni Amore

Condividi!