sabato, 3 Dicembre 2022

versi di versi per versi e detti male detti (di Sascia Coron)

image_pdfimage_print

Ottima via di scampo è un fritto misto con calamaretti.

 

Al candidato non fare sapere

quanto è buono il gusto del potere.

 

L’omo è una bestia!

Anche l’etero.

 

Senza stipendio chi lavora come un mulo,

resta padrone di prenderselo al…bar.

 

Il veleno è come il Governo in Italia:

rischia sempre di finire in polpetta.

 

Quelli che fan promesse agli abusivi,

dovrebbero capir l’aria che tira,

solo incoscienti o folli recidivi

sotto i piedi s’accendono la pira.

 

I buoni, per sentirsi tali, donano il proprio bene a quelli che sono nel male perché li sentono fratelli e uguali.

Così, invece di liberarli dal male, alimentano i loro vizi.

 

Si sente nell’aria qualcosa di nuovo,

anzi, un profumo d’antico:

la tregua nasconde le spine del rovo

sotto una foglia di fico.

 

Gli uomini si amano fra di loro solo se hanno terrore di un dio terribile che li punisce con l’inferno se non lo fanno.

 

Condividi