sabato, 3 Dicembre 2022

TURISMO A MODICA: OCCASIONE DI SVILUPPO. MA ATTENZIONE AI FURBI

image_pdfimage_print

Modica si appresta a vivere un’altra stagione estiva all’insegna di buoni auspici in quanto a presenze turistiche. Le previsioni, stando alle informazioni provenienti da Palazzo San Domenico, sembrano ottime. Ma, come si dice in questi casi, c’è il rischio che qualcuno “se la canti e se la suoni”.

E, allora, anche a beneficio di chi governa, è opportuno fare una carrellata su alcuni aspetti che caratterizzano i flussi turistici a Modica.

Fuor di dubbio che il cioccolato sia un richiamo importante. Ma, attenzione!, non bisogna ripetere gli errori che furono compiuti negli Anni Settanta quando i turisti tedeschi abbandonarono in massa Marina di Modica per i “bidoni” messi in atto, soprattutto, da commercianti e imprenditori che si illusero di poter impunemente “spennare” gli stranieri praticando prezzi alle stelle su vitto e alloggio. Necessario fare tesoro di quella esperienza con il prodotto-simbolo, il cioccolato, offrendo qualità e servizio. Sono i due semplici “segreti” per far rimanere e tornare in città i turisti.

Ma, a Modica, sarebbe necessario anche creare un sistema moderno ed efficiente per la fruizione di beni culturali e monumentali. I turisti devono essere “guidati” (non soltanto nei soliti negozi di dolciumi) verso chiese, musei, palazzi nobiliari: basterebbe un’adeguata segnaletica, strategicamente posizionata, per evitare ai forestieri “percorsi del nulla” alla ricerca di qualcosa da vedere. Questo si potrebbe fare senza eccessive spese e sarebbe compito di quel Consorzio Turistico che, purtroppo, continua ad essere un fantasma, sempre evocato e mai apparso nell’opera di promozione del territorio. Un grave handicap che penalizza il fenomeno turistico. Una pecca alla quale bisogna porre rimedio al più presto se si vuole veramente fare quel salto di qualità che la Città merita. A meno che non si voglia continuare a “vivacchiare” o, peggio ancora, a ripetere gli errori del passato.

Modica merita che la sua storia, le sue tradizioni, la sua cultura siano diffuse ai turisti nella maniera giusta, senza narrazioni “acrobatiche” o furberie estemporanee: servirebbero solo a danneggiare quello che è stato costruito e realizzato da modicani lungimiranti e veramente innamorati della Città.

Concetto Iozzia

Condividi