lunedì, 18 novembre 2019
versi perversi

versi di versi per versi e detti male detti (di Sascia Coron)

Print pagePDF pageEmail page

A causa delle discussioni

vomitate dalle televisioni

m’è venuto il magone.

Sarà perché sono debole di Costituzione?

 

 

Fare quel che vuole

l’uomo libero non può,

ma solo ciò

che si può,

e di ciò

si duole.

 

 

Lo stupido brilla

come una scintilla

che si sopporta

una sola volta.

 

 

Passa il tempo a forza di aspettare

che la Giustizia si dia un po’ da fare.

 

 

Con una mano prende, con una mano dà

da sempre il deputato che tirerà a campa’.

 

 

Gente allegra il ciel l’aiuta

se non si lamenta e resta muta.

 

 

 

 

Condividi!