mercoledì, 15 luglio 2020
image0

LOGARITMI… ALGORITMI…

Print pagePDF pageEmail page

Dove aveva messo la Tavola dei logaritmi? Gli usciva il fumo dalle orecchie per il cervello in ebollizione e quella Tavola non si trovava! I numeri gli si ingarbugliavano in testa, interi e negativi, fratti e proporzionali, tra insalate di radici quadrate e incognite inconoscibili. Come aveva fatto a superare l’esame di statistica? Ci pensava ma non l’avrebbe espresso mai a parole, ne andava della sua dignità e autorità conquistata a Palermo di Massimo Comune Divisore.
In effetti si sentiva Minimo Comune Multiplo e non voleva che il team di collaboratori se ne accorgesse. Però i conti non tornavano, nemmeno tutti gli altri titoli nobiliari che gli venivano in mente. Che fare? Trovare un capro espiatorio pronto ad accollarsi la sua debacle matematica? A parole sembrava facile…
E se la colpa fosse stata dei cervelli elettronici in dotazione? Una bella pensata, e poteva salvare la situazione. Pensa che ti pensa, senza farsi accorgere inserì un algoritmo (ne aveva tanti a disposizione) nell’elaboratore dei dati. Fatto. Il giorno dopo ci sarebbe stata la lieta sorpresa per tutti i siciliani facili da abbindolare (la serietà della politica leghista, il ponte sullo Stretto…) e per Musumeci allorché  avrebbe saputo che i positivi isolani al Coronavirus non erano 805 ma 153, praticamente una bazzecola.
Il giorno del solstizio d’estate 2020 si sarebbe illuminato molto di più, nonostante le polemiche per la scelta di nominare Samonà e Bertolaso. Se il Governatore poteva fare errori di tale portata, perché lui no? Se doveva andare in punizione dietro alla lavagna, sarebbe stato in ottima compagnia: tra compari ci si capisce e ci si perdona sempre. Ma sapeva che in sogno la sua baffuta e zitella maestra elementare lo avrebbe castigato a ripetere le tabelline. A proposito, quanto fa 7 x 8? Madonna mia…

Marisa Scopello

 

Condividi!