mercoledì, 29 Giugno 2022

IN PROVINCIA TORNA IL CALCIO CON LA COPPA ITALIA

image_pdfimage_print

Con la Coppa Italia, in data 6 settembre, inizierà la nuova annata delle modicane nel campionato di promozione 2020-2021. Modica e Frigintini sono state inserite nel girone D insieme al Comiso, allo Scicli, che ha dato vita ad una sola società grazie alla fusione dello Per Scicli e Atletico Scicli, mentre il titolo dello Per Scicli è stato rilevato dal Vittoria, che ritorna in campo dopo anni di assenza dal calcio, quindi Canicattini, ripescato, che prende il posto di uno “sbadato” Pozzallo, che perde il campionato di Promozione per la tardiva iscrizione al campionato nei termini stabiliti. Errore imperdonabile che però permette di eliminare la probabile formazione più accreditata per il salto in Eccellenza. Pozzallo, che sperava nel ripescaggio in Eccellenza, ora riparte dalla prima categoria. Sparisce dalla promozione pure l’Ispica, ma per transitare in Eccellenza, categoria superiore, prendendo il posto del Rosolini, purtroppo fallito. Altre formazioni che completano il girone sono il Floridia, il Megara, il Priolo, la Garrone Siracusa, Caltagirone, Mazzarrone, Sporting Eubea, Armerina e Aidone.

Eliminato il Pozzallo, tra le squadre che punteranno al salto di categoria, oltre alle blasonate Megara e Caltagirone, inserirei il Modica del presidente Zocco, che ha fatto una buona campagna trasferimenti.

Oltre a Mister Orazio Trombatore, che ha fatto bene a Rosolini in Eccellenza, il Modica fa incetta di buoni giocatori, locali e non, per sperare nel salto di categoria. Tra le novità, il ritorno di Pippo Macrì, veterano del Modica, che ha vestito tutti i ruoli nel Modica, da giovanissimo calciatore, quando venne dal Messina, ad allenatore negli anni novanta, oggi inizia, a 73 anni, nel nuovo ruolo di dirigente nell’area tecnica.

Il Frigintini conferma mister Adamo e un po’ la filosofia che la contraddistingue, ossia puntare a mantenere la categoria con giovani di qualità e giocatori di esperienza.

Il campionato inizierà il 20 settembre, con la speranza di una riapertura, almeno parziale, al pubblico.

Giovanni Oddo

Condividi