lunedì, 30 novembre 2020
a6aa099d-793d-4fdc-bcef-fe76a190bce4

PERCHÉ I PARRUCCHIERI NO

Print pagePDF pageEmail page

Molti si chiedono perché i parrucchieri no.

Ve lo dico io, che per mestiere faccio la parrucchiera da più di 35 anni.

Nel nuovo DPCM firmato nella notte del 4 novembre dal Premier Giuseppe Conte in merito alla pandemia che stiamo attraversando ormai da tanti mesi, l’Italia, comprese le isole, è stata divisa in tre zone: gialle, arancioni e rosse.

Ci saranno dunque tanti esercizi che non chiuderanno ma che potrebbero chiudere in seguito, in base alla reazione positiva o negativa della curva del Covid19.

Quello che è certo, è che i parrucchieri, pur quelli che si trovano nella zona rossa, rimarranno aperti. Questo accade perché qualcuno ha capito l’importanza dell’igiene capelluta che insieme a quella intima ci previene da tante malattie. Malattie che possono essere comunque debellate con la conoscenza, la sapienza, la consapevolezza che solo un medico può avere. E medico ognuno di noi lo è per se stesso e per gli altri se lavora  svolgendo un ruolo con rispetto e senza sotterfugi particolari.

Mi spiego:

A noi parrucchieri, in questo triste periodo, è venuto facile rispettare le regole, perché lo abbiamo sempre fatto, almeno molti di noi, soprattutto tutti quelli che hanno lavorato da sempre in regola, rispettando ogni criterio e pagando anche molto più del dovuto di tasse allo Stato, tutto questo solo perché noi amiamo, come tutti gli artisti, quello che facciamo, soprattutto lavoriamo donando agli altri il nostro meglio.

Noi parrucchieri siamo un bene di prima necessità e vi assicuro che non esiste niente di più bello che vedersi bello/a in vita e camminare a testa alta anche semplicemente per andare a fare la spesa dignitosamente o rendere bella una persona che si ama anche in punto di morte.

Ho fatto volontariato in un reparto speciale dove la vita finisce ma con grande dignità umana, l’Hospice di Modica. Mi piacerebbe descrivervi cosa si prova a pettinare o a tagliare i capelli a un padre, a un figlio, a una mamma che sta per morire e che, pur senza forze, desidera semplicemente apparire dignitosamente una persona bella fino all’ultimo respiro agli occhi di chi ha da sempre amato.

Sofia Ruta

Condividi!