lunedì, 30 novembre 2020
versi perversi

versi di versi per versi e detti male detti (di Sascia Coron)

Print pagePDF pageEmail page

Le cose presupposte

aprono la via alle supposte.

 

Quando le promesse fatte da pochi cialtroni

lo persuadono più delle cose ben fatte,

il popolo si convince di vivere in democrazia.

 

Un chilometro d’ignoranza

non fa la stessa strada

di un millimetro di saggezza.

 

Ogni duro dura poco

e ben duro meno.

 

Mi dico sempre che non mi aspetto niente.

La grandine mi ha sfondato la casa

e un fulmine me l’ha bruciata.

Forse era meglio niente.

 

 

La borsa è un accessorio

che ti fregano spesso,

se sale e poi discende

non te ne frega niente,

ma sei fregato lo stesso.

 

Condividi!