domenica, 11 aprile 2021
ef1aae0f-b35d-4fc5-887c-23e96b11a9ae

MODICA RICORDA E RIVEDE LE STELLE

Print pagePDF pageEmail page

Il teatro Garibaldi di Modica in tutto il suo splendore è stata la location perfetta che il presidio cittadino di “Libera” ha individuato per fermarsi e ricordar le stelle in occasione della ventiseiesima edizione della “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”.

Tanti sono stati gli interventi nei giorni precedenti per “Ricordar le Stelle”, quelle Stelle che vanno ricordate per il loro coraggio e per la loro umanità, ma anche perché troppe sono le persone comuni, tra cui purtroppo tanti bambini, vittime innocenti che ci ricordano quanto ancor più crudele e violento sia il freddo braccio delle mafie nel nostro paese. Diverse settimane prima del 21 marzo, scuole e associazioni della città di Modica hanno offerto il loro contributo con momenti di formazione e riflessione col progetto #100passiversoil21marzo e tanti focus su alcuni Nomi con la staffetta per ricordar le stelle, slogan che si riferisce appunto al tentativo di voler richiamare nel cuore coloro che hanno perso la vita per mano mafiosa e far sì che il ricordo e la memoria ci diano la possibilità di interrogare insieme il passato, per comprendere lo spirito di cui è intriso il nostro impegno nell’oggi e anche nel domani.

“Riveder le stelle” rimanda anche al desiderio di uscire dall’inferno della pandemia, dopo un anno di isolamento e distanziamento, il sogno che accomuna tutti è quello di riacquistare la libertà che ci consente di poter riveder le stelle in cielo quando e come vogliamo.

Il percorso di riflessione organizzato dal presidio cittadino di “Libera” si è concluso presso il teatro Garibaldi con la lettura dei Nomi delle 1031 vittime, lettura disposta da alcuni rappresentanti delle forze sociali e politiche della città che si è conclusa con un messaggio di speranza e unione letto da un bambino che incarna perfettamente questo grande desiderio di ripartenza comunitaria. Devo fare i miei complimenti per l’organizzazione generale di ogni momento formativo al responsabile del presidio cittadino Francesco Rendo e a tutti i giovani e non che insieme a lui sostengono diverse iniziative per cercare di recuperare quello che per troppo tempo la nostra città non ha più visto: momenti di confronto e riflessione in cui i cittadini insieme crescono, si formano e oggi più che mai sperano…

Graziana Iurato

Condividi!