domenica, 17 ottobre 2021
fc22636a-b09e-4645-9fc9-d40d2c077774

GIRO DI SICILIA TAPPABUCHE

Print pagePDF pageEmail page

c2926729-f8c8-4075-a641-78fb5f8a7a3421f41259-907a-4b7c-ae44-becf531384dec0840f42-465f-4f55-bcdd-859d7bd41b2301b58973-02ec-4541-819b-0ac6f8affe5526cf1078-e434-4426-81e0-c493ae910962In quel di Modica gli abitanti del quartiere Sorda percorrendo la strada principale, cioè Via Sacro Cuore, si chiedevano stupiti quale benigno intento avesse illuminato la Pubblica Amministrazione il recente giorno in cui aveva deciso di rattoppare (sì, proprio con toppe evidenti, ma probabilmente si tratta della stesa moda che mette le toppe ai jeans) le strade (per l’esattezza, la suddetta Via Sacro Cuore). Stupiti non più ma forse un po’ stupidi si sono sentiti martedì 28 settembre, quando, proprio in questa strada, è passato il Giro di Sicilia, comprendendo che non per evitare loro l’ennesima caviglia rotta ma per non fare troppo magra figura al passaggio dei corridori si era provveduto a eliminare le tante buche pericolose.

Corridori che adesso gli abitanti del quartiere Sorda, specialmente quelli che usano muoversi a piedi o in motorino, amano più di quel Damiano Caruso, glorioso ragusano detentore del secondo posto al Giro d’Italia…

LuM

Condividi!