mercoledì, 25 Maggio 2022

versi di versi per versi e detti male detti (di Sascia coron)

image_pdfimage_print

Europa: l’unione fa la farsa.

Chi vuole aderire alla NATO,

da questa guerra è già stato avvisato.

Il Patriarca di Mosca

frequenta gente losca.

Tutti i vecchi no-vaccin

stanno adesso con Putin.

Dello zar russo per la gioia

tutto il mondo è entrato in paranoia.

Se un russo ti è nemico

ti invade come amico.

La guerra d’invasione

Putin la chiama “liberazione”.

Se ti invadono, devi trattare

col capo dell’operazione militare.

Putin! Ti conviene trattare

o la tua flotta se la pappa il mare!

Da un capopopolo è stato concusso

il grande popolo Russo.

Se in Russia osi dire “guerra”

finisci col culo per terra.

In Siberia.

È un’impresa in Ucraina

lo svegliarsi sano e salvo la mattina.

Ammazzare donne e bambini

è opera umanitaria.

Purché siano ucraini.

Chi la Pace ha nel cuore,

combattendo muore.

La reazione all’invasione

è un bel colpo d cannone.

Ogni guerra è l’occasione

per finirti con un drone.

Parlare di pace è il nuovo concetto

per fare la guerra in modo perfetto.

Ogni scherzo vale

se la pace è universale.

La pace ha la tomba

nel cratere della bomba.

Danzica o Odessa,

la procedura è la stessa.

Condividi