mercoledì, 1 Febbraio 2023

versi di versi per versi e detti male detti (di Sascia Coron)

image_pdfimage_print

Chi non ha grandi pretese

vada pure a quel paese

ogni giorno di ogni mese.

A chi invece fa gran danni

anni pieni di malanni.

          *****

Non c’è rosa senza spine

né governo senza fine.

          *****

Al popolo l’oppio

e gli altri a Predappio.

Col cacchio!

          *****

La certezza della legge

in Italia non regge.

          *****

Si è spento il sol dell’avvenire

e resta solo il buio per dormire.

          *****

La libertà senza giustizia

è una lunga notte di mestizia.

          *****

In ogni piccola contrada

le nuove bugie fanno molta strada.

          *****

Il nuovo governo ha fatto la pax

con tutti i no-vax.

Pax hominibus malae voluntatis.

          *****

Senza un Pericle che la disciplina

la democrazia va in rovina.

Senza un Pericle a comandare

la democrazia fa cagare.

Con un fesso solo al comando

tutto un popolo va allo sbando.

          *****

Il mondo è bello perché è vario

come il suon del tafanario.

           *****

Non più serve intelligenza

per guidar la diligenza.

Serve ognor la pervicacia

per avere l’efficacia.

          *****

Per certi pazzi audaci

ci sono molte paci.

          *****

Di certo i migranti

sono tanti,

uomini donne ed infanti,

ma non tutti sono santi.

          *****

Gli attivisti cattolici

bevono troppi alcoolici.

          *****

Clemente Mastella coglie ogni occasione

per stare in televisione.

          *****

Chi era scemo da bambino

da adulto rimane un cretino.

          *****

Chi con norme la legge dileggia

fa gran vento e dal culo scoreggia.

          *****

Troppo spesso lo Stato difende

chi fa danno e da questo dipende.

          *****

Chi fa leggi pensate per caso

la fa spesso al di fuori del vaso.

Quando scegli di fare riforme

stai attenta al cane che dorme!

          *****

Chi obbedisce alle leggi in Italia è obbligato

a sopportare che sia condonato

chi dalla legge è stato condannato.

In Italia la legge è organizzata

in modo che osservarle è una cazzata

e solo chi le sa ben trasgredire

può vivere sicuro e non morire.

          *****

Con le regole del nuovo governo

scenderemo surgelati all’inferno.

          *****

Quando arriva una bolletta

ci agitiamo senza fretta:

tanto siamo già in bolletta!

          *****

Si rinnova la patente al mafioso e al delinquente

e non alla povera gente

che non ha un parente potente.

          *****

Tutto un popolo accalappio

con le visite a Predappio.

          *****

Condividi