mercoledì, 1 Febbraio 2023

IL COMBATTENTE SPERA IN UNA SVOLTA

image_pdfimage_print

Come programmato, il dottor Di Salvo era pronto a riprendere le sue manifestazioni davanti al Quirinale per chiedere un incontro col Presidente Mattarella.

Anche questa volta si è chiuso però con un nulla di fatto, ma stavolta non sono stati né i carabinieri né la polizia a bloccarlo, ma un nemico, almeno per un uomo, ben più spaventoso di qualsiasi rischio: l’influenza!

Sinopoli, avvocato della CGIL ma anche ricercatore presso La Sapienza, riteneva impossibile l’incontro, ma a questo punto era intervenuto Del Fattore, che gli aveva detto che si potevano incontrare per analizzare la situazione.

Sarà una svolta? Il combattente ci spera, altrimenti… manifestazioni a oltranza!

Luisa Montù

Condividi