mercoledì, 1 Febbraio 2023

IL POSTINO SUONA E… SCAPPA

image_pdfimage_print

Succede a Modica. Ignaro che “il postino suona sempre due volte”, in questa cittadina il postino, o meglio alcuni postini, usano suonare una sola volta e scappar via.

Se devono consegnare un pacco lo lasciano davanti alla porta che, in caso si tratti di una villetta, è in mezzo alla strada, per cui, se il destinatario non si affretta ad andarselo a prendere rischia di trovarlo schiacciato da una macchina di passaggio (a Modica i marciapiedi sono un’utopia) o mangiucchiato da qualche cane della zona oppure, quando gli va bene, con sopra una bella chiazza di pipì.

Peggio va se si tratta di una raccomandata, che, come tale, richiede la firma del destinatario a garanzia che è stata consegnata. Il postino suona (una volta!). Tu al citofono chiedi: “Chi è?”. Nessuna risposta. Chiedi di nuovo un paio di volte e poi pensi che sia il solito ragazzino che si diverte a suonare i campanelli (ammettilo, lo facevi pure tu da adolescente), invece poi nella buca delle lettere trovi l’avviso della raccomandata che devi ritirare alla posta. Se sei senza macchina o se trovi qualcuno che ti accompagni ma soffri di sciatica o sei anziano e malandato, quindi non puoi affrontare la fatica di una fila interminabile, come fai? Ti arrangi! Ti arrangi perché il postino ha fretta, non gli va di essere gentile, o meglio sa che se svolge male il suo lavoro a chi glielo dà non importa proprio un bel niente, quindi perché darsi pena? Non sono più i tempi in cui Francis Scott Fitzgerald affermava che era meglio essere il miglior postino del mondo piuttosto che un mediocre Presidente degli Stati Uniti!

LuM

Condividi