lunedì, 6 luglio 2020

L’editoriale di Luisa Montù

C’ERA UNA VOLTA…

l'editoriale di Luisa Montù

C’era una volta il sessantottino. Era giovane e voleva cambiare il mondo. In meglio. Voleva eliminare le ingiustizie, il razzismo, le sperequazioni sociali. Voleva difendere la libertà di pensiero e di parola. Voleva la dignità delle donne e del lavoro, la giustizia uguale per tutti, l’istruzione accessibile a tutti. Aveva vent’anni ed era un sognatore, ma per quei sogni era …

Continua a leggere...

MA IL DISABILE CONTA DAVVERO?

l'editoriale di Luisa Montù

Il legislatore italiano mostra grande attenzione alle misure favorevoli ai disabili. Impone norme ben precise sui varchi, sui servizi igienici sia negli ospedali che negli alberghi e nei vari locali aperti al pubblico. Che poi questa legislazione venga rispettata è un altro discorso. Come è un altro discorso constatare fino a che punto i cittadini tengano in considerazione, e quindi …

Continua a leggere...

CARO SILVIO, NON NE POSSIAMO PIÙ!

l'editoriale di Luisa Montù

Amici, lettori, italiani, ma è vero che per tutti voi l’informazione più importante, quella che ritenete fondamentale conoscere per sopravvivere è se Berlusconi potrà continuare a sedere in Parlamento oppure no? No, perché è questo l’argomento che impazza sui media, su tutti, indistintamente, persino su Sky, che dedica alcuni canali agli approfondimenti sui temi più importanti. Si presume che canali …

Continua a leggere...

UN’ISOLA PEDONALE SÌ, MA CON INTELLIGENZA

l'editoriale di Luisa Montù

Il Comitato per i Diritti del Cittadino lamenta l’assenza, a Modica, di un’isola pedonale. Non esiste città, specie se città d’arte, che non abbia una zona vietata al traffico veicolare in modo da consentire a cittadini e turisti di godersi a piedi i monumenti, di incontrarsi, passeggiare, insomma di vivere liberamente quella parte della città. Questo problema invero non è …

Continua a leggere...

“NON SONO FEMMINISTA…” AHI!

l'editoriale di Luisa Montù

E’ l’argomento all’ordine del giorno: il femminicidio. Si propone una legge che protegga le donne dalla violenza, perché, si dice, quelle attuali non le proteggono abbastanza. Eppure, anche con la legislazione attuale, quando una violenza viene denunciata si dovrebbe intervenire. Il guaio è che, se a denunciare è una donna e la violenza che denuncia proviene da un familiare, si …

Continua a leggere...

UN SINDACO SCERIFFO? PERCHÉ NO?

l'editoriale di Luisa Montù

Dobbiamo premettere che non conosciamo personalmente il nuovo Sindaco e non sapevamo nulla di lui finché non è diventato il primo cittadino di Modica battendo di netto gli avversari. La nostra ignoranza (della quale ci riconosciamo colpevoli) del suo background politico ci ha fatto pensare che o era un ipnotizzatore di masse oppure aveva in precedenza dimostrato ai cittadini che …

Continua a leggere...

IO STO CON GLI ORANGHI

l'editoriale di Luisa Montù

Umberto Saba, uno dei più grandi poeti italiani del Novecento, in una splendida poesia dedicata alla moglie (“A mia moglie” appunto), ama paragonare la donna amata a degli animali (Tu sei come una giovane, / una bianca pollastra… Tu sei come una gravida/ giovenca… Tu sei come una lunga / cagna… Tu sei come la pavida / coniglia… Tu sei …

Continua a leggere...

ADDIO, SIGNORA DELLE STELLE!

l'editoriale di Luisa Montù

La chiamavano “signora delle stelle” perché, in qualità di astrofisica, i suoi studi e il suo lavoro erano rivolti verso il cielo, alle stelle, ai pianeti, alle nebulose, allo spazio infinito. Siamo abituati a immaginare gli scienziati costantemente persi nel loro mondo di esperimenti, nuove scoperte, teorizzazioni futuristiche, e totalmente avulsi dalla realtà, della quale sanno o vogliono percepire ben …

Continua a leggere...

LE DISCRASIE DELLA NON-EUROPA

l'editoriale di Luisa Montù

Si può essere più o meno d’accordo con le ultime scelte di Enrico Letta, ma gli si deve dare atto di aver denunciato, appena insediatosi come Presidente del Consiglio, un problema che tutti si ostinano a ignorare da sempre e la cui sopravvivenza, se ancora negato, può portare alla rovina non solo l’Italia ma anche altri Stati: l’Europa dell’euro non …

Continua a leggere...

COME PRIMA, PEGGIO DI PRIMA

l'editoriale di Luisa Montù

Il 21 dicembre 2012 il mondo doveva finire. Di sicuro qualcuno oggi pensa che sarebbe stata una benedizione, ma siamo ancora qua. L’avevano detto i Maya e i Maya erano tipi in gamba, com’è successo che si siano sbagliati? Non si sono sbagliati, spiegano gli esperti, perché loro non avevano parlato di fine del mondo, ma solo di cambiamento. Gli …

Continua a leggere...